Tu conosci le rughe?

TU CONOSCI LE RUGHE?

Con il passare del tempo la pelle perde elasticità, tono, questo perché non è più in grado di rigenerarsi come un tempo.

La pelle si presenta “spenta”, segnata da rughe più o meno profonde. L’epidermide appare assottigliata ne disidratata a

causa della ridotta secrezione sebacea; il derma appare notevolmente ridotto di spessore e privo della normale elasticità

e resistenza ai traumi. Si distinguono vari tipi di rughe:

– rughe lineari – la disposizione dei solchi è determinata dalla contrazione dei muscoli mimici del viso secondo angolature

perpendicolari alla muscolatura stessa ( rughe frontali, linee di corrugamento, rughe peribuccali, zampe di gallina);

– rughe glifiche – sono il segno tipico della fotoesposizione. Si tratta di un’accentuazione della normale pieghettatura cutanea

causata da processi d’elastosi. Tali rughe decorrono obliquamente e perpendicolarmente agli altri tipi e non hanno una geografia

precisa;

– le grinze – sono le pieghe del sonno, la loro distribuzione dipende dalle posizioni assunte durante il sonno e decorrono

perpendicolarmente alle rughe lineari. Un esempio sono le rughe verticali della fronte (dormendo supini il problema non si manifesta);

– le increspature – sono causate dal collasso delle fibre elastiche verticali subepidermiche e dalla conseguente mancata

aderenza tra derma ed epidermide. Si manifestano anche nelle aree fotoprotette;

– le pieghe naso/labiali – delimitano i confini tra le maggiori masse muscolari del viso (soprattutto l’orbicolare della bocca e i

masseteri).

La cute “in eccesso” cade in senso gravitazionale. Durante il processo di invecchiamento il tessuto connettivo

perde le sue peculiari caratteristiche d’elasticità e compattezza. La mitosi cellulare è rallentata e quindi si ha una scarsa

rigenerazione del tessuto cutaneo; la circolazione sanguigna e linfatica sono rallentate e di conseguenza tutti gli scambi

metabolici e il drenaggio dei cataboliti. Con l’invecchiamento cronologico, inoltre, si assiste ad un’involuzione dei capillari

superficiali; aumenta la percentuale di collagene I rispetto al tipo III (tipico della giovinezza) che è meno organizzato e resistente.

Si osserva diminuizione della produzione di proteoglicani e glicosamminoglicani con conseguente minor ritenzione di liquidi a

livello intercellulare. La diminuizione della produzione d’estrigeni influisce negativamente sul tessuto cutaneo, fenomeni che si

manifestano a maggior ragione nell’età climaterica. Compaiono alterazioni strutturali nel collagene poichè gli estrogeni intervengono

nella reazione d’ossidrilazione del procollagene; le ghiandole sebacee producono meno sebo rendendo l’epidermide più fragile e

favorendo la comparsa delle rughe.

 

Cari lettori continuerò l’argomento, parlandovi dei fattori scatenanti e dell’approccio all’inestetismo…

Se questo articolo ti è sembrato interessante iscriviti alla newsletter e riceverai i 3 video in cui

ti svelerò i segreti per avere una pelle del viso perfetta.

 

Ti aspetto presto.

Ester,

la tua Consulente di Bellezza

Tel. 091/942390

174 Visite
Questo elemento è stato inserito in Viso. Aggiungilo ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *