Mal di schiena, quando il peso è nella mente

MAL DI SCHIENA, QUANDO IL PESO E’ NELLA MENTE

Sintomi come il mal di schiena ci parlano di una vita in cui ci siamo trasformati in animali da soma: se rifiutiamo
questo ruolo ingrato, il dolore se ne va

Nell’ambiente medico si parla di mal di schiena come di una patologia “multifattoriale” e cioè si pensa che il dolore

sia legato a parecchi fattori indipendenti. Simbolicamente la colonna vertebrale è il sostegno del nostro essere,

solido ma flessibile. Attraverso il collo possiamo mediare tutti i movimenti e sostenere la testa, tenerla al posto giusto.

Cioè manteniamo al posto giusto l’organo dei pensieri. Ma ciò che sentiamo e le nostre scelte poi scendono lungo

il corpo e gravano su tutta la colonnaCosì, quest’organo si fa dolorosamente sentire con il mal di schiena quando

tendiamo a caricarci addosso, giorno dopo giorno, troppi pesiPerfezionisti e con un forte senso del dovere: ecco

i due tratti comuni di chi soffre di mal di schiena. La storia di Valentina, che Mi scrive questa mail, lo testimonia meglio

di tante spiegazioni teoriche.

Troppe rinunce per dovere? Ecco mal di schiena

“Grazie all’interpretazione psicosomatica del mio mal di schiena, ho evitato di assumere farmaci dannosi, di fare un mucchio di

esami inutili e mi sono tolta un mal di schiena che ogni tanto mi rovinava la quotidianità. Negli ultimi mesi, per migliorare il tenore

di vita della mia famiglia, un marito un po’ pigro e da due figli di 9 e 6 anni piuttosto esigenti, ho pensato di aggiungere al mio

part-time un nuovo lavoro: organizzare matrimoni. Mi sono buttata a capofitto, senza calcolare però gli effetti. Mio marito ha fatto

finta di non accorgersi che io ero molto affaticata e non si è proposto di occuparsi lui almeno di alcuni aspetti della vita dei figli, per

fare un esempio soltanto… Da un mese la mia schiena ha iniziato a dolermi, sempre più intensamente, soprattutto la spalla destra.

Ma qui arrivano anche le letture psicosomatiche, complice una settimana di vacanza. Siamo in montagna e anche lì i primi giorni mi

sembra di impazzire per il dolore alla schiena. Ma i figli devono sciare e il marito deve farsi le sue scalate da solo…”

Rimettere se stessi al centro scaccia il mal di schiena

Il racconto prosegue: “Stringiamo amicizia con un’altra famiglia simile alla nostra, ma l’altra signora un giorno mi prende da parte e mi

dice: “Domani io e te ce ne andiamo a rilassarci e a farci massaggiare e i mariti e i figli si arrangino da soli. Sai, è necessario occuparci

di noi per stare bene. Non sentirti in colpa!”. Questa donna è stata il miglior farmaco: ho pensato alle mie letture, al fatto che il nostro

corpo parla e ci avverte con i disagi quando stiamo sbagliando. Così ho seguito la mia nuova amica e dopo una splendida giornata di

relax il dolore alla schiena sembrava svanito! Mi sono immaginata di staccarmi dai due lavori, dai figli e dal ruolo di moglie perfetta.

Stupendo! Ho capito che è la mente che deve liberarsi dei pesi, prima di tutto il perfezionismo e il senso di colpa. Quando sono

tornata da mio marito, gli ho elencato tutta una serie di occupazioni che sarebbero da ora in poi toccate a lui: mi sono sentita subito più

leggera. E ora che siamo tornati a casa, finalmente il mal di schiena mi lascia respirare. ora ho capito, finalmente: occorre ascoltare i

sintomi che il corpo invia e riflettere sulle rinunce che stiamo vivendo, sulle cose che ci imponiamo per sentirci perfetti: il mal di schiena

può nascere da tutto questo, ma liberarsene si può!

 

Se questo articolo ti è stato utile iscriviti alla mia newsletter e riceverai i 3 video in cui ti svelo i segreti per rimetterti in forma
e mantenerti in salute

Ester,
la tua Consulente di Bellezza

Tel. 091-942390

119 Visite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *