Da quando sei in menopausa non ti riconosci più?

Da quando sei in menopausa non ti riconosci più?

E’ IL MOMENTO DI ELIMINARE CELLULITE E RITENZIONE

Tra i 40 e i 50 anni, il gonfiore è uno dei disturbi più frequenti e sgradevoli, ne soffre circa il 30% delle donne,

ed è causa di fastidiosi inestetismi, concentrati su addome, glutei e cosce. Complici fretta e stress che ci portano

a fare scelte alimentari scorrette e affrettate, la figura si appesantisce e la silhouette ne risente. Il gonfiore si

distribuisce soprattutto sulle gambe, sotto forma di ritenzione idrica, rendendone tozzo il profilo e formando,

su cosce e glutei, l classica texture bucherellata tanto detestata da ogni donna; ma lo si ritrova anche sulla

pancia, a cui spesso regala una taglia, dovuta non alla presenza di adipe, ma di gas e fermentazione; e a

volte è presente perfino nel viso e nelle braccia.

-Compaiono quando l’organismo è appesantito – Le cause di questo fenomeno sono molteplici. Per quanto

riguarda la formazione di edemi, la colpevole è spesso una cattiva circolazione venosa e linfatica, unita ad

un’alimentazione troppo ricca di sodio, che provoca squilibri idrici e invita il corpo a trattenere liquidi in eccesso.

Una dieta scorretta è alla base anche alla presenza di gonfiori addominali, che si verificano soprattutto quando

la nostra dieta è composta da alimenti irritanti per l’apparato digerente, la cui presenza non dà luogo a veri e

propri disturbi, ma è all’origine della tensione addominale.

-Spegni l’infiammazione che ingrassa


La ritenzione idrica è la situazione per cui i liquidi non vengono smaltiti dalla circolazione linfatica e sanguigna,

si concentrano negli spazi interstiziali tra una cellula e l’altra creando gonfiori localizzati su gambe, cosce e glutei,

che possono essere associati anche alla cellulite, un’infiammazione del tessuto sottocutaneo e , più in generale,

ad un aspetto poco tonico della pelle. Si tratta di un problema tipico della costituzione ginoide, o “pera” e legata

ad un’intensa attività degli estrogeni. La buona notizia è che, in molti casi, dopo i 50-55 anni il problema potrebbe

attenuarsi proprio grazie ai cambiamenti ormonali, lasciandosi però dietro cedimenti e flaccidità che è importante

contrastare per tempo. Per prevenire e curare la ritenzione e la cellulite è utile seguire un programma drenante che

aiuta a smaltire i liquidi e tossine, abbinando integratori per sostenere la circolazione ed evitare la stasi venosa e

linfatica che favorisce la formazione di cuscinetti ed edemi.

-Le verdure per combatterla


Per sgonfiare la silhouette, come è noto, è fondamentale bere sempre tanti liquidi e, al contempo, ridurre il consumo

di sodio, che non dovrebbe mai superare i 2.000-2.400 mg al giorno. In questo conteggio non compare solo il sale da

cucina che si aggiunge come insaporitore, ma anche il sodio nascosto, di cui sono ricchissimi, per esempio, prodotti

precotti, dadi, formaggi stagionati, pizza, pane e salumi.

 

Se questo articolo ti è sembrato interessante iscriviti alla newsletter, riceverai 3 video in cui ti svelerò i 3 segreti per rimetterti

in forma! Inoltre scopri il vantaggio per te che ti iscrivi…

Ester,
la tua Consuelnte di Bellezza

176 Visite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *