Giornate no, cosa fare per affrontarle al meglio

Giornate no, cosa fare per affrontarle al meglio

Ci sono momenti in cui nulla sembra funzionare, fra piccoli fastidi, litigi, critiche, intoppi: se accade troppo

spesso, ecco come reagire mettendo al bando i lamenti.

“Oggi non va!”. Quante volte ce lo siamo detti in quelle giornate in cui nulla, ma proprio nulla, sembra andare

per il verso giusto. Sono quei momenti in cui, a ben guardare, prima di tutto siamo noi a non “funzionare” come

dovremmo: nulla riesce spontaneamente, siamo facilmente irritabili, siamo distratti da qualcosa di indefinibile,

non riusciamo a concentrarci. A tutto questo, si aggiunge anche il corso degli eventi e le difficoltà inevitabili della vita:

un risultato negativo, una critica inaspettata, un intoppo che di solito supereremmo facilmente, ma che oggi non

riusciamo proprio a risolvere. A tutti capita di vivere una “giornata no” e, quando succede, l’unica cosa da fare è

aspettare che passi senza troppi danni. Ma se la frequenza di queste giornate comincia ad aumentare, allora vale

la pena interrogarsi sul loro significato.

 

Non ingabbiarti nell’autocommiserazione

La cosa da non fare assolutamente in questi casi, è ingabbiarsi in un atteggiamento persecutorio: “Capitano tutte a

me!”, “Sono sfortunato per natura”, “Lo sapevo che non poteva andarmi bene”. Frasi come queste servono solo a

innescare una spirale depressiva che impedisce di cogliere il profondo messaggio dei “periodi no”. Non appena si

percepisce che è arrivata una di quelle giornate no, bisogna accoglierla per quello che è, con tutte le sue difficoltà

e contraddizioni. Mentre lo facciamo, proviamo a cambiare il nostro sguardo, che non deve essere rivolto esclusivamente

alle nostre sfortune, ma al senso di quello che ci sta accadendo. “Cosa ci vuole comunicare questa frenata?” “C’è qualcosa,

nella nostra vita, che non va, e di cui non ci eravamo accorti?”. Rispondere a queste domande non è immediato, perché se

l’anima ci frena in modo esplicito, non altrettanto esplicitamente ci “dice” per quale motivo. Non si può semplicemente dedurre

che sia il nostro stile di vita a essere sbagliato; il motivo potrebbe essere un altro.

 

Osserva bene come stai vivendo

Per individuarlo, proviamo a osservare bene il periodo che stiamo attraversando. È forse caratterizzato da troppa frenesia,

troppi impegni? Spesso il senso del dovere ci spinge a tirare dritto, ma la saggezza dell’anima ci ricorda che abbiamo bisogno

di rallentare e ricalibrarci sui nostri ritmi. C’è forse una mancanza di senso? Troppo dovere e poco piacere per inseguire traguardi

che non ci appartengono davvero? Ecco che allora l’energia vitale smette di farsi incanalare nel solito binario e ci chiede:

“Usami in modo diverso”.

 

Quando arrivano questi momenti?

A questo punto è opportuno porre l’attenzione sul contesto nel quale le “giornate no” si manifestano. Capitano durante

la settimana lavorativa? Nel week-end? A casa o in famiglia? Quale che sia il luogo, è probabile che vi sia una forte

contrarietà verso di esso: se colpiscono in ufficio potrebbero esprimere il risentimento verso colleghi, superiori o sottoposti

con cui si è costretti a condividere più tempo di quello che si vorrebbe; in famiglia potrebbero segnalare l’eccessiva identificazione

nel lavoro, che ci ha reso incapaci di stare con i nostri cari. Tutti questi momenti sono importanti, perché rappresentano istanti di

“lucidità inconscia” che, letti nel modo giusto, possono diventare vera consapevolezza.

 

Conta l’atteggiamento, più di quel che accade

Il terzo passaggio da fare riguarda l’atteggiamento con cui affrontiamo il quotidiano. Chiediamoci: a prescindere dal fatto

che ci capitino cose positive o negative, nel viverle siamo noi stessi o indossiamo una maschera di convenienza? Siamo

spontanei o trattenuti? Giornate storte frequenti, probabilmente, arrivano proprio per rompere questa pseudo-identità,

per indicarci che non è il periodo ad essere sbagliato, ma il nostro modo di porci verso la vita. Queste tre fasi di osservazione

rappresentano un vero e proprio check-up del quotidiano che valuta tre elementi: il periodo, il contesto e il nostro atteggiamento.

Per supportarne l’efficacia, può essere molto utile prendere appunti sulle intuizioni di cambiamento che ci vengono a trovare

in questi momenti di profonda osservazione. Riletti con calma nei giorni successivi, potranno sicuramente aiutare ad apportare

quei piccoli e grandi cambiamenti funzionali alla nostra vita che probabilmente, senza quelle giornate no, non avremmo

mai intrapreso.

 

– Vuoi scoprire di più sul mio metodo?

🎁Clicca sul link, ho riservato uno speciale regalo per te. 🎁

 

https://www.estercentrobenessere.com/nuovo_sito/cellsod/

 

Ester, la tua Consulente di Bellezza

Tel. 091/942390

74 Visite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *