La dieta per la donna dopo i 40 anni

La dieta per la donna dopo i 40 anni

È quella che ti aiuta a eliminare velocemente pancia e fianchi, che tonifica la muscolatura e che

tiene sotto controllo la glicemia nel sangue.

Passati i quarant’anni, le donne vanno incontro a una serie di cambiamenti legati all’abbassamento

dei livelli degli ormoni sessuali femminili (estrogeni) e di quelli del testosterone, un ormone maschile

presente anche nella donna. Ciò comporta la riduzione della massa magra (cioè di muscoli e ossa) e,

di conseguenza, l’aumento di quella grassa. La diminuzione della massa muscolare causa il rallentamento

del metabolismo (del 5% ogni 10 anni a partire dai 40), e questo fa sì che la quantità di calorie “bruciate”

diminuisca, rendendo più facile ingrassare o che si fatichi a dimagrire anche se non si eccede col cibo.

Le variazioni ormonali inoltre tendono a portare a maggiori accumuli di grasso su pancia, fianchi e glutei.

 

Come dimagrire velocemente

Sono tre le strategie di base per creare una dieta dimagrante veloce e conservare il peso forma dopo

i quarant’anni, mantenendo anche una pancia piatta, fianchi e glutei snelli e tonici. La prima consiste

nell’aumentare l’apporto di proteine magre e nel ridurre gli zuccheri (senza eliminarli!). La seconda nel prevenire

i picchi glicemici utilizzando le corrette combinazioni dimagranti. E la terza richiede una maggiore attività fisica

moderata ma costante e quotidiana. Ecco come procedere in pratica.

 

Più proteine magre da aggiungere in ogni pasto per mantenersi in forma

Per nutrire, tonificare e aumentare la muscolatura dopo i 40 anni, è importante consumare un alimento proteico

in ogni pasto. A colazione, per esempio, si potrà scegliere tra frutta oleosa, latte, yogurt, ricotta, fiocchi di latte,

grana o parmigiano, salmone. A pranzo e cena, si può optare per carni bianche, pesce di mare (preferibilmente

ricco di Omega3 che proteggono cuore e cervello), uova, ricotta, grana e parmigiano, ma anche legumi, tofu,

tempeh. La scelta non dovrebbe però cadere sulla stessa tipologia di alimento proteico mangiato a colazione.

Per avere un’idea delle quantità basta fare riferimento ai menu proposti al termine di questo articolo. Occorre

invece ridurre pane, pasta, cereali e derivati in genere, privilegiando il consumo di quelli integrali e con un indice

glicemico medio. Vediamo perché qui di seguito.

 

È vero che ci vuole una dieta ipocalorica dopo i 40 anni? 
No, ci vogliono le corrette combinazioni dimagranti

Imparare ad abbinare bene i cibi è sempre una strategia vincente, in ogni tipo di percorso dimagrante e ancor di

più dopo i quarant’anni. Ed è utile anche per la prevenzione del diabete e della formazione di grasso addominale.

Ma cosa sono i picchi glicemici? Scopriamolo insieme.

Se, per esempio, a pranzo mangio 50g di pasta bianca (raffinata, priva di fibre) con salsa di pomodoro e basta,

gli zuccheri della pasta arriveranno rapidamente nel sangue, alzeranno la glicemia (picco alto), provocando una

maggior produzione di insulina e il rallentamento del metabolismo. Ciò perché il corpo percepisce un eccesso di

zuccheri e cerca di metterli da parte sotto forma di grasso (soprattutto addominale).

Se, invece, mangio 50g di pasta integrale condita con verdure e a queste aggiungo, per esempio, 2 uova sode o

150g di pesce, ecco allora che lo zucchero arriverà più lentamente nel sangue, modulato da fibre (pasta integrale

e verdure) e proteine, il metabolismo si manterrà attivo, si bruceranno più calorie, si nutriranno i muscoli e non si

manifesterà sonnolenza dopo i pasti.

Quindi, a fronte di un maggior apporto calorico, ma con la presenza per l’appunto di fibre e proteine, si potrà dimagrire…

mangiando, seppur sempre con moderazione e facendo attenzione alle corrette combinazioni snellenti (un cibo fonte

importante di carboidrati con uno di proteine e verdure, oltre all’impiego di grassi buoni come quelli dell’olio d’oliva e

dell’avocado o dei semi oleosi).

 

Le sostanze che non devono mancare per una alimentazione sana e snellente…

  • Sono i fitoestrogeni che si trovano in soia e derivati (come tofu e tempeh, trifoglio rosso, semi di lino, luppolo),

utili perché contrastano la perdita di estrogeni tipica a partire dai quarant’anni.

  • Sono gli Omega3 del pesce, delle noci e, ancora dei semi di lino, che proteggono il cuore e il cervello

maggiormente esposti a rischi per via delle variazioni ormonali.

  • E’ la vitamina A degli ortaggi di colore rosso-arancio, che rivitalizza il metabolismo cellulare, stimola la

circolazione, protegge le ossa e migliora l’elasticità dei tessuti. I bioflavonoidi che rafforzano i capillari e

contrastano l’accumulo di liquidi e che si trovano in ribes, more, mirtilli, lamponi.

  • Sono il calcio, la vitamina D e il magnesio, necessari per le ossa, ma anche per dimagrire: il calcio e la vitamina D

aiutano a “bruciare” il grasso, il magnesio contrasta la fame nervosa e sostiene la muscolatura tonificandola.

 

L’attività fisica è fondamentale!

Basta anche solo una camminata veloce da 30 minuti al giorno, per iniziare. L’attività fisica migliora l’umore, riduce lo stress,

stimola il metabolismo e aiuta a bruciare più energia, che così non si trasforma in grasso. Tra le attività più adatte troviamo

il nuoto, il pilates (soprattutto per la donna che ha fatto vita sedentaria per molti anni), la corsa e il fitness.

 

– Vuoi scoprire di più sul mio metodo?

🎁Clicca sul link, ho riservato uno speciale regalo per te. 🎁

 

https://www.estercentrobenessere.com/nuovo_sito/cellsod/

 

Ester, la tua Consulente di Bellezza

Tel. 091/942390

 

56 Visite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *